Sbiancamento dentale

sbiancamento dentale prima e dopo denti

Lo sbiancamento dentale è un trattamento particolarmente indicato per chi vuole tornare ad avere un sorriso abbagliante senza più doversi sentire in imbarazzo a causa di denti gialli o macchiati. 

Tè, vino e succhi di frutta sono solo alcuni degli alimenti che possono macchiare i nostri denti. I cibi non sono inoltre l’unica causa di ingiallimento dei denti e di formazione di macchie: l’utilizzo di alcuni farmaci, il fumo, l’avanzamento dell’età, un’igiene orale non adeguata o semplicemente la predisposizione naturale sono tutti fattori che possono contribuire all’ingiallimento.

Molte volte si pensa che basti ricorrere ad uno specifico dentifricio per riuscire a togliere quel fastidioso color giallino e risolvere il problema, ma la realtà è ben diversa. Per avere un sorriso curato e brillante è necessario, talvolta, intervenire diversamente. 

In questi casi lo sbiancamento dentale è la soluzione più efficace per avere di nuovo un sorriso smagliante.

  • In 2 sedute
  • Non danneggia lo smalto
  • Ripristina il bianco naturale

Quali sono gli effetti dello sbiancamento dentale professionale?

Che tu voglia sbiancare i tuoi denti donando nuovamente loro la naturale brillantezza o voglia semplicemente rimuovere delle macchie, lo sbiancamento dei denti è quello che fa per te.

Si tratta di un trattamento professionale, eseguito dal dentista o dall’igienista dentale, che prevede l’utilizzo di gel specifici attivati da una lampada LED.

Questi gel vengono applicati direttamente sui denti e lasciati in posa per una durata che varia in base alla condizione dello smalto. Anche le applicazioni e la concentrazione dei gel cambiano a seconda di che obiettivo si vuole raggiungere, obiettivo concordato con il proprio dentista dopo un’accurata visita preliminare.

Perché sbiancare i denti dal dentista?

Il trattamento sbiancante denti è molto più efficace se svolto da professionisti. Esistono anche rimedi naturali “home made” per aiutare il proprio sorriso a ritrovare luminosità, ma rivolgersi ad un dentista rimane sicuramente la scelta più sicura ed efficace.

Se, infatti, si hanno delle carie o altre patologie a noi sconosciute, andando a sbiancare i denti da soli si corre il rischio di peggiorare una situazione già delicata. 

Allo stesso modo, non possiamo sapere quale sia la sensibilità delle nostre gengive e se, intervenendo con alcune sostanze sbiancanti, andremo ad alterare i tessuti gengivali. 

Invece, se è presente del tartaro all’interno della bocca, di cui ignoriamo l’esistenza, andare a sbiancare i denti con procedimenti casalinghi non sarà sufficiente per rimuovere o migliorare il colore giallastro dello smalto.

Scegliere di svolgere questo trattamento da un dentista ti permetterà di avere denti più bianchi e di mantenerli tali nel tempo.

Affidaci il tuo sorriso, lo faremo tornare a risplendere!

Le domande più frequenti dei nostri pazienti

Sullo sbiancamento ci sono ancora molti dubbi. Ecco la nostra risposta alle domande più comuni dei pazienti.

Lo sbiancamento dentale generalmente non provoca dolore. Tuttavia, avvertire una maggiore sensibilità o del fastidio a livello delle gengive nelle ore successive al trattamento è da considerarsi normale.

Non si corre alcun rischio a effettuare lo sbiancamento dentale se ci si affida ad uno studio dentistico in cui operano professionisti esperti.  Un’accurata visita preliminare e l’utilizzo di tecniche all’avanguardia infatti consentono di individuare le soluzioni più indicate per sbiancare il sorriso senza rovinare lo smalto.

Nelle 48 ore successive al trattamento sbiancante è fortemente consigliato non fumare, in quanto è proprio il fumo uno dei fattori che provocano l’ingiallimento dei denti. 

Inoltre, è necessario prestare attenzione ai cibi e alle bevande che si assumono: questi potrebbero contenere coloranti eccessivamente aggressivi per i denti appena trattati. Tra gli alimenti che potrebbero macchiare i denti ci sono: vino rosso, succhi di frutta, frutta (ciliegie, frutti di bosco), caffè e salsa di soia.

La durata effettiva nel tempo del trattamento varia da persona a persona. Nei casi più ostinati inoltre è possibile che il trattamento vada ripetuto più volte per raggiungere un risultato soddisfacente. 

Generalmente, lo sbiancamento dentale dura più di un anno. Questa durata può allungarsi fino a 2 o 3 anni se si rispettano alcune buone abitudini e si mantiene un’ottima igiene orale. Ricordiamoci, infatti, che lo sbiancamento dei denti non è un trattamento che sostituisce la pulizia dentale professionale e che il tartaro che si accumula tra i denti non può essere rimosso con lo sbiancamento.

Prima dello sbiancamento è necessario fare una pulizia dentale professionale al fine di eliminare placca e tartaro. Solo così infatti sarà possibile procedere in modo efficace.

Nel nostro Studio troveremo le soluzioni più indicate per far tornare a brillare il tuo sorriso, in poco tempo e senza disagi.